Agricoltura 2.0

Nasce nel 2014, con la call internazionale fatta dal Comune di Milano ed il Parco Tecnologico di Lodi (PTP Science Park). La vincita del periodo di incubazione fu il 5 dicembre 2014 all’Expo Gate di Milano.

Il progetto di impresa

ImpattoZero crea sistemi di Acquaponica in Italia ed all’estero, per l’Urban Farm in un nuovo modello di business con Agricoltura on demand ed il sistema di coltivazione fuori dal suolo Acquaponica.

I nostri elementi distintivi

1)  La tecnica della coltura acquaponica (fornendo impianti tecnologicamente all’avanguardia in modalità chiavi in mano);

2)  Il franchising;

3)  La vendita di prodotti agricoli su richiesta diretta e personalizzata del consumatore (coltivazione-vendita on-demand della biodiversità esistente). Il franchisee si avvale della filiera corta e il consumatore finale ha la possibilità di scegliere un qualsiasi prodotto agricolo al di fuori degli schemi imposti dalla grande produzione.

I vantaggi competitivi del modello di business di ImpattoZero

1)  Rilanciare zone industriali (regionali e nazionali) ormai abbandonate; la possibilità di valorizzare capannoni dismessi e qualsiasi luogo chiuso anche non raggiunto dal sole. Ne consegue la creazione di valore, la produzione di lavoro e la maggiore redditività per i proprietari degli spazi;

2)  Consentire a chiunque di essere un coltivatore virtuale. Il cliente finale di ImpattoZero, il Consumatore, potrà scegliere cosa coltivare digitalmente, ad esempio tramite una APP. A partire da un archivio completo (contenente anche semi poco usati e non modificati) e descrittivo delle proprietà dei cibi, il consumatore potrà scegliere cosa far crescere grazie al consiglio di un nutrizionista (food as medicine) o semplicemente per esigenze personali. Essere un coltivatore virtuale, restituisce la piena sovranità alimentare al consumatore;

3)  Sorpassare per qualità e quantità le attuali coltivazioni fuori dal suolo, come quelle ottenute dalla coltura idroponica. A riguardo, si ricorda che molti dei prodotti che raggiungono la Grande Distribuzione Organizzata (GDO), è prodotto fuori dal suolo. Il che riflette la necessità di produrre prodotti di alta qualità e biologici;

4)  La necessità di nutrire una popolazione che diventa sempre più numerosa (attesi 9 miliardi di persone per il 2050). Sia gli studi scientifici, sia i dati dei produttori, circa la qualità e la produzione tramite la tecnica della coltura acquaponica, suggeriscono che quest’ultima sia molto più efficiente della coltivazione tradizionale, in quanto, l’ecosistema acquaponico permette una massimizzazione delle potenzialità delle piante.

I 4 pilastri di Agricoltura 2.0

SICUREZZA ALIMENTARE

Coltivazione con la tecnica fuori dal suolo acquaponica, 100% organica con materiali di coltivazione superiori all’agricoltura biologica. Senza motori a scoppio, fertilizzanti, ne pesticidi).

FILIERA CORTA

Coltivare nei luoghi abitati, in capannoni dismessi, sui tetti, in serra come in luoghi chiusi permette di avere coltivazioni 100% organiche vicino ai consumatori.

SOVRANITÁ ALIMENTARE

Il nostro obiettivo è dare la possibilità al cliente finale (B2B/B2C) di scegliere dal catalogo della biodiversità esistente un piano di coltivazione (farming on demand).

BASSA IMPRONTA DI CARBONIO

Meno 90% di spreco d’acqua, nessun motore a scoppio, nessun prodotto chimico, energie rinnovabili ed efficienza energetica.

Agricoltura del futuro

Il fondatore, sul palco di Seeds & Chips, parla di agricoltura ed introduce Agricoltura 2.0, il progetto innovativo, nato nel 2014, che porta l’agricoltura ad un nuovo livello.

“AGRISPAZIO: colonizzare Luna e Marte per nutrire la Terra”. Venerdì 17 luglio 2015, Museo dell’Ara Pacis, Roma.

Davide Balbi – CEO & Founder, ImpattoZero Srl – presenta OpenAgri: un polo agricolo di eccellenza alle porte di Milano con l’acquaponica (Farming on demand & Seed to Fork)  al centro.

Intervista Canale Italia, Davide Balbi CEO ImpattoZero Srl, Agricoltura 2.0, Farming on demand, Agricoltore Virtuale.

Rai3, Report – il giornalista Michele Buono intervista Davide Balbi sul progetto OpenAgri

Il nostro canale YouTube, interviste e convegni

Avvio in acquaponica di un nuovo impianto con la tecnica fishless (Senza pesci) e la tecnologia o2aqua

Uno studio Scientifico sull’Acquaponica, condotto dal Dr. Savidov del diversification center di Alberta in Canada in collaborazione con l’aiuto del Dr. Rakocy, dell’University of the Virgin Island.
Il report presentato alla conferenza ed esibizione internazionale tenutasi a Singapore nel 2005.

Cosa è la coltivazione verticale?
Quale è lo spazio di coltivazione più redditizio?
in questo video si compara la coltivazione verticale con la coltivazione orizzontale multipiano.

Palazzo Marino, evento del Comune di Milano con il PTP Scence Park di Lodi.

Rassegna stampa

Vincitori di Alimenta2Talent 2014 con il progetto Agricoltura2.0  LEGGI L’ARTICOLO

Cinque progetti per cambiare il rapporto con cibo e terra LEGGI ARTICOLO

Agricoltura 2.0: premiate le migliori idee per Expo LEGGI ARTICOLO

Cibo a KM zero grazie alla coltura acquaponica LEGGI ARTICOLO

Dall’app per ridurre gli sprechi all’isolante nato dal riso LEGGI ARTICOLO

Con l’acqua e i pesci l’agricoltura è più sana e redditizia LEGGI ARTICOLO

Fiumi di acquaponica per la nuova Agricoltura 2.0 LEGGI ARTICOLO

Ho scoperto l’acquaponica: uso i pesci per coltivare pomodori LEGGI ARTICOLO

Expo 5 startup che cambieranno food e agricoltura LEGGI ARTICOLO

Cinque progetti per cambiare il nostro rapporto con cibo e terra LEGGI ARTICOLO 

Agricoltura 2.0 premiate le migliori idee per Expo LEGGI ARTICOLO 

Acquaponica per il km zero  LEGGI ARTICOLO

Con l’acqua e i pesci l’agricoltura è più redditizia LEGGI ARTICOLO

SCRIVICI